Eventi, Foto, Senza categoria

Libri di Horsemanship “senza tempo”.

“Libri di Horsemanship senza tempo” è stato scritto da Bill Reynolds, apparso su Western Horseman a Novembre, è stato liberamente tradotto e interpretato da Noi.

Nel creare una relazione tra cavalli e persone, questi tre libri di Horsemanship di Tom Dorrance, Ray Hunt e Buck Brannaman hanno cabiato innumerevoli vite per il meglio.

I Grandi Horsemen hanno una discendenza e così è per Tom Dorrance e Ray Hunt. Dorrance lavorò come insegnante per anni insieme a Ray Hunt, il quale, con tutte le informazioni acquisite, iniziò a viaggiare tenendo clinic, lavorando con le persone e i loro cavalli in giro per il mondo. I viaggi di Ray Hunt diedero inizio a una nuova generazione di Horsemen, che include un giovane trainer di quel tempo chiamato Buck Brannaman.

Questi tre libri sono diventati dei classici nel mondo dell’ Horsemanship. Tom Dorrance pubblicò “True Unity” nel 1987, Ray Hunt pubblicò “Think armony with horses” nel 1978 e infine Buck Brannaman pubblicò “Groundwork: The first impression.” nel 1997.

Fortunatamente per  noi e per tutti i cavalli del mondo questi 3 libri sono tutt’ora in stampa e reperibili. Mentre molti libri riguardano solo il lavoro con i cavalli questi tre parlano di molto di più. Nel descrivere gli efficaci metodi di addestramento cavalli, gli autori insegnano anche a costruire un rapporto migliore in ogni aspetto della vita: con i cavalli, il coniuge, i figli e i colleghi.

Questi tre libri di Horsemanship chiedono al lettore di Rallentare e di Ascoltare. Di essere Cortese e Rispettoso. Insegnano che la vita è una Danza e per avere successo, in ogni relazione occorre Dare e Ricevere.

C’è un profondo significato in questi libri di Horsemanship aldilà del lavoro con i cavalli.

Citando Tom Dorrance: “Cerco di sentire di sentire quello che prova il cavallo e lavoro da dove si trova lui.(comprendere il suo stato d’animo e il suo punto di vista) Quello che so in merito ai cavalli, l’ho imparato dai cavalli.”

Come Tom Dorrance anche Ray Hunt contribuì alla causa. Con i suoi clinic itineranti mostrò il lavoro con i cavalli a migliaia di persone che iniziarono a spargere la voce su questo nuovo “movimento”.

Ray Hunt scrive:” Lavorare con i cavalli è uno stile di vita per me. E’ quello che mi da da vivere, è il mio hobby è la mia passione. Se ci pensate bene i cavalli ti restituiscono tutto. Se un umano da loro il 5%, il cavallo restituirà il 95%. I cavalli non smettono mai di stupirmi nel mostrarmi quanto sono in grado di fare con solo un piccolo aiuto da parte dell’ uomo.”

A quel tempo il giovane Buck Brannaman ebbe l’ opportunità di vedere Ray Hunt e Tom Dorrance lavorare insieme in un clinic tenuto vicino a Bozeman, Montana, vicino a un ranch in cui stava lavorando. Quella prima impressione rimase per sempre impressa in lui e in merito a ciò ricorda: “Le cose che ho imparato su di me da Ray Hunt e Tom Dorrance, hanno cambiato la mia vita.”

“Come esseri umani, tutti noi desideriamo comunicare meglio ed entrare meglio in sintonia con i sentimenti di coloro ai quali teniamo, siano persone o cavalli. L’ approccio che mi mostrarono Tom e Ray fu qualcosa che non avevo mai visto e che probabilmente mai rivedrò. Vita e Cavalli, sono la stessa cosa per me.”

Questi  volumi aiutano le persone a considerare proprio questo aspetto della vita. Sebbene siano in giro già da un po’, il loro effetto continua ad essere significativo, anche al di fuori del  mondo dei cavalli.

“Con il passare del tempo, ogni cosa assumerà un significato. Il periodo prima dell’ alba è quello più buio. A volte il cavallo potrebbe peggiorare un po’ prima di migliorare. Noi dovremo aggiustare noi stessi in base al cavallo. Sistema la situazione e lascia che faccia il suo corso. Non puoi farlo succedere per forza e non puoi avere un tuo limite di tempo. (dipende dal cavallo) A volte più lentamente si procede, più in fretta si impara”.

“Sometimes the Slower you Go, the Faster you Learn.”

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche “I Grandi Horsemen che hanno fatto la storia, Game Changers.

 

Sillar Creek Ranch